"You don't question what you believe. I must."

Palma d’oro al festival di Cannes 2013; La vie d’Adèle di Abdellatif Kechiche.


"La vie d’Adèle" è un film talmente bello che non riuscirei a scriverne senza limitarmi a ribadire quanto di lodevole si palesa allo spettatore che lo guardi. Un capolavoro come questo non si vede tutti i giorni al cinema: la recitazione delle due attrici è magistrale, la sceneggiatura meravigliosa, come la semplicità della storia che racconta, e nonostante il ritmo narrativo sia tutt’altro che incalzante, il film coinvolge dal primo all’ultimo minuto, con costante e appassionante trasporto. Se commenti e recensioni entusiastici di critici e amici mi avevano preparata alla sua qualità artistica, non mi aspettavo un film anche così impetuoso e travolgente. Il realismo e l’investimento emotivo di Kechiche sono talmente estremi che lo spettatore per tre ore diventa Adèle e il malessere empatico che ne deriva lo accompagna fuori dalla sala, tenendogli compagnia ancora per qualche ora. Se c’è un aspetto che apprezzo immensamente nei film, più di tutti gli altri, è la facoltà di rifarsi con onestà alla vita di tutti i giorni. Scomodo Oscar Wilde che ha scritto “Life imitates Art far more than Art imitates Life” e ahimè, è così. Nella maggior parte dei film di oggi, soprattutto quelli a stelle e strisce, è sempre più raro riconoscere barlumi di vita vissuta, di vita vera: se una scena non rappresenta un fatto rilevante o funzionale ai fini della trama, non è doveroso rappresentarla. “La vie d’Adèle” è piena di scene prolisse, apparentemente superflue, eppure imprescindibili. Imita la vita in tutti i suoi aspetti, dal più insignificante al più drammatico e lo fa in sole tre ore, che volano via senza annoiare mai, attraverso l’eros, le lacrime, i sorrisi, le delusioni, le disperazioni e le gioie della protagonista. Kechiche vuole raccontare una storia d’amore come tutte le altre (l’omosessualità quasi non è elemento narrativamente interessante) eppure irresistibile e sensazionale, e ci riesce benissimo. Un film sublime. Non ne vedevo uno così sofferto, così sincero, così profondo e così tragicamente onesto dai tempi di “A Separation” di Asghar Farhadi.
Ho letto e ascoltato tanti pareri meravigliosi sul film, ma 2 in particolare ci tenevo a fissarli qui sul mio blog. Una è la cit di una cit della piccola (di statura) grande VV, che riassumono in 4 righe, e meglio di come ho provato a fare io, la grandezza del film: 
"Il romanzo di formazione definitivo. Tre ore di camera-stylo che scorrono via e alla fine ti dispiace pure. Ci sono delle scene di sesso lesbo da far impallidire Sasha Gray e nemmeno un filo di scabrosità. La purezza del realismo di Kechiche è commovente."
L’altra (la metto tra virgolette, ma sto parafrasando) è di loli, e tanto di suo c’è anche nelle righe che ho scritto io, visti i lunghi e entusiasmati scambi di opinioni e giudizi che hanno seguito la visione:
"Provo verso il film la stessa sensazione che mi capita di avere quando leggo un libro meraviglioso: vorresti rileggerlo daccapo un attimo dopo averlo finito. Continui ad averlo tra le mani, a portartelo in giro in borsa, lo sfogli, lo annusi, rileggi le frasi più belle e le pagine spuntate, e rievochi così tutte le emozioni che hai provato la prima volta leggendolo."
#la vita di adele #la vie d'adèle #Léa Seydoux #adele exarchopoulos #abdellatif kechiche #movie
  1. misamisakichan ha rebloggato questo post da toblia
  2. quattrosaponi ha rebloggato questo post da toblia
  3. pookiebeard ha rebloggato questo post da toblia
  4. la-macchia ha rebloggato questo post da toblia
  5. she-shescreamsinsilence ha rebloggato questo post da toblia
  6. nithihayah ha rebloggato questo post da toblia
  7. smother-i ha rebloggato questo post da paralleluniverse-almayer
  8. awayonthewaves ha rebloggato questo post da paralleluniverse-almayer
  9. paralleluniverse-almayer ha rebloggato questo post da toblia
  10. lisettiej ha rebloggato questo post da toblia e ha aggiunto:
    ca fait inspirer
  11. timehasnottime ha rebloggato questo post da saladormer
  12. lostinightmares ha rebloggato questo post da toblia
  13. the-dreamers-book ha rebloggato questo post da toblia
  14. ohstupidjake ha rebloggato questo post da toblia
  15. i-only-have-myself ha rebloggato questo post da toblia
  16. maltezikh-drakaina ha rebloggato questo post da itsjustinmymind
  17. under-the-iron-sea ha rebloggato questo post da the-dreamers-book
  18. you-can-fight ha rebloggato questo post da toblia
  19. andsuddenlyouareallineed ha rebloggato questo post da toblia
  20. itsokaytho ha rebloggato questo post da toblia
  21. lolixoxo ha rebloggato questo post da toblia